Tra mistero e fascino: le spezie e la loro storia

spezie1.jpg

Le spezie, che tanto ci ricordano le polveri magiche, si ottengono dalle radici, dai fiori, dalla frutta, dalla corteccia, dai semi e dalle foglie dei vegetali. Questo mondo così affascinante e misterioso, che ci rende stregoni dei piatti più disparati, trae origine da tempi lontani, da popoli antichi come Sumeri ed Egizi che ne fecero largo uso a scopo medico, ma anche culinario ed estetico.

Quelle che chiamiamo col termine generico di spezie possono essere parti diverse delle piante, come il bocciolo per i chiodi di garofano, le foglie per il coriandolo, il frutto per il pepe, il seme per il cumino e il coriandolo. Sarà per la loro storia millenaria che abbraccia tutti i continenti, sarà per l’aroma inconfondibile di ognuna (che influenza profondamente gli stati emotivi e la salute generale nell’individuo), in ogni caso le spezie sono pervase da un alone di mistero e fascino; dietro la storia di ognuna e perfino nella sua preparazione si nasconde qualcosa di curioso.

Il pepe nero, ad esempio, si prepara raccogliendo i frutti ancora immaturi. Curiosamente più sono immaturi e tanto più piccanti ne risultano l’odore e il sapore del prodotto finale. Nel medioevo la dote di una sposa doveva contenere almeno 10 sacchi di pepe. I chiodi di garofano, una delle spezie più diffuse, sono originari delle Isole Molucche e si ottengono dai boccioli dei fiori, essiccati al sole. Hanno ottime proprietà antisettiche e disinfettanti del cavo orale: in Cina i fortunati che potevano avvicinarsi all’Imperatore dovevano tenere un chiodo di garofano in bocca per non offenderlo facendogli sentire l’alito cattivo. Il curry, infine, non è una spezia, come talvolta si crede, ma una miscela di spezie. In India, il suo paese d’origine, il termine curry indica genericamente tutti i condimenti utilizzati per preparare verdure, pesce o carne, servite con riso o pane. A questi condimenti viene aggiunta una miscela di spezie fresche, tostate e macinate, unite ad olio, burro o yogurt, a formare una pasta che insaporisce tutto il piatto.

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti