Passatelli romagnoli in brodo

unnamed

Per le feste si sà,  meglio affidarsi alle antiche ricette della tradizione. Questa arriva direttamente dalla Romagna, buona anzi buonissima minestra dei giorni di festa, ma non disdegnate la versione asciutta, cioè scolare i passatelli e condirli con burro fuso e salvia.

Ingredienti (6 persone):

150 g. di pangrattato fine

150 g. di grana grattugiato

3 uova

q.b. di noce moscata

q.b. di scorza di limone

sale e pepe

2  lt. di brodo

 

Prima di tutto avviate il brodo che potrete farlo semplicemente con sedano, carota e cipolla oppure azzardare ad aggiungere qualche profumazione in più come un rametto di rosmarino, 2 foglie di alloro, una patata, un pomodoro… insomma il brodo fatelo con la vostra ricetta di famiglia o sperimentate in fantasia, l’importante è che cuocia almeno un’oretta.

Preparate ora l’impasto dei passatelli: in una terrina mettete il pangrattato, il formaggio grattugiato, una grattata di scorza di limone (più o meno a seconda del vostro gusto) e una grattata di noce moscata (che non deve mai mancare più o meno generosa), aggiungete le uova intere e 2 pizzichi di sale e poco pepe. Impastate il tutto con le mani per ottenere un impasto piuttosto “duro”, se il risultato fosse troppo morbido aggiungete un po’ di farina per indurire l’impasto.

Lasciate riposare la palla ottenuta sotto ad una terrina capovolta.

Dividete l’impasto in palline che farete passare attraverso uno schiacciapatate direttamente sopra alla pentola con il brodo in ebollizione. La tradizione vorrebbe che i passatelli venissero fatti con l’apposito attrezzo, ma che spesso non si riesce a trovare fuori dalla Romagna, quindi andrà bene anche lo schiacciapatate (ma curiosando per mercatini non fatevi scappare l’acquisto di questo splendido aggeggio per essere preparate al prossimo utilizzo!).

I passatelli cuoceranno in pochissimo tempo (in pratica deve rapprendere solo l’uovo), vanno raccolti con una schiumarola e posati nelle fondine, poi verrà versato sopra il brodo con un mestolo.

Un piatto antico, ma sontuoso. Carico di profumi e di tradizione.

Buona condivisione e felice cenone di fine anno!!!

 

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti