Donne Greenpink: Roberta Bartocci

veg1.jpg

Roberta Bartocci, romana, biologa nutrizionista e vegcoach con il pallino del rispetto per l’ambiente e per la salute. Nella sua attività professionale si è occupata di nutrizione vegetariana e vegana, di impatto ambientale degli allevamenti intensivi e dei relativi consumi di prodotti animali. Appassionata di cucina vegetariana e vegana, cucina e organizza catering vegan (per il suo matrimonio, che è stato celebrato lo scorso 20 ottobre, ha festeggiato con un banchetto 100% vegan). Moglie e mamma, ha pubblicato di recente “Roma per vegani”, una recensione dei luoghi di Roma dove è possibile mangiare vegan e come orientarsi nella ristorazione convenzionale. 

 

Ciao Roberta e benvenuta su Greenpink!
Grazie 🙂
Professionalmente nasci come biologa nutrizionista, come nasce l’idea di diventare vegcoach? 
Nasce dall’aver colto l’esigenza avvertita direttamente e indirettamente di tante persone alle prese con l’alimentazione green (vegetariana e vegana) in un contesto alimentare onnivoro e obesogeno. Molte di queste persone sono disorientate su cosa, come e quanto mangiare; vogliono essere sicure di introdurre tutti i nutrienti senza consumare cibi di origine animale ma non sanno bene come fare o commettono degli errori.
E in cosa consiste?
Principalmente le persone si rivolgono a me per l’elaborazione di piani alimentari, ma anche di ricette sane da realizzare tutti i giorni; di quali prodotti sia meglio acquistare e in quale modo prepararli. Oggi i prodotti per vegetariani sono molti rispetto ad anni fa e nonostante la recessione economica il mercato del green food non fa che crescere. I prodotti non hanno però stessa qualità e gusto: tofu, seitan, latte di soia possono essere molto variabili da produttore e produttore. In tanti anni di alimentazione vegetale li ho provati praticamente tutti e sono in grado di consigliare chi si rivolge a me in base alle sue esigenze.  
Come si riesce ad equilibrare l’alimentazione vegana nello sviluppo e nella crescita dei bambini? 
 Molto bene! L’importante è (e questo vale anche per gli adulti) declinare l’alimentazione vegan in positivo: cioè ricca di proteine vegetali, fibre, grassi buoni, antiossidanti, anzichè pensarla come ad un regime privativo: senza quello e senza quell’altro. I bambini vegetariani e vegani che seguono un’alimentazione ben pianificata crescono come i loro coetanei onnivori ma si ammalano meno. Questo è quanto dice la letteratura scientifica e quanto sperimento ogni giorno con mio figlio.  
Sei vegetariana da ben 16 anni e vegana da 15 circa, com’è maturata la tua scelta?
All’improvviso, un secondo dopo aver messo in bocca uno squisito involtino di carne e parmigiano: si è piazzato davanti a me il volto della vacca che chissà cosa aveva sofferto per permettermi di mangiare quel pasto. Da quel momento il piacere di non fare del male a mucche, polli, maiali, pesci & co è diventato più importante. Adesso oltre al piacere del palato mi godo anche quello della solidarietà. Poi gli studi universitari e post universitari hanno sostenuto la mia scelta da un punto di vista scientifico.
Tu sei anche mamma, tuo figlio segue la tua stessa dieta?
Vegetariano a scuola e vegan in casa. Un compromesso inevitabile perché le scuole di Roma, pur prevedendo nel Comune la possibilità di scelta di menu vegetariano da 15 anni, non sono pronte a quella vegana. 
Inoltre gestisci il blog Vegcoach: ce ne parli?
Il blog e Vegcoach inteso come sito web e marchio registrato sono nati insieme, su una mia idea. Scrivo periodicamente su argomenti legati alla nutrizione e alimentazione vegetariana e vegana, con l’intento di sostenere quanti praticano giorno per giorno questa scelta.
Ci racconti una tua giornata tipo?
Normalissima direi: dopo aver portato mio figlio all’asilo, faccio spesa e commissioni in bicicletta, quando posso, e poi lavoro a studio o in cucina (per corsi di educazione alimentare pratica). Il pomeriggio lo trascorro con mio figlio o lavorando; poi la sera due chiacchiere con mio marito e a letto presto!
3 aggettivi che ti descrivono
Appassionata, curiosa, idealista.
3 piatti vegani facili da preparare che consigli agli amici di Greenpink…
Spaghetti cacio e pepe vegan: è la versione vegetale del primo piatto romanesco ma con più fibre, zero colesterolo, calcio e grassi buoni. 
Spaghetti integrali, pepe, olio extra vergine e cacio vegano ( per il “cacio”: frullare insieme 1 bicchiere di mandorle pelate conservate in frigorifero; ½ bicchiere di lievito alimentare in scaglie; 1 cucchiaino di sale grosso; ½ cucchiaino di erba cipollina secca). 
Cuocere una porzione di pasta, meglio se integrale, conservando poca acqua di cottura e rimescolarla con  1 cucchiaio colmo di “cacio vegan”. Terminare con una presa di pepe e un filo d’olio. Servire.
Vellutata lenticchie rosse alla salvia:
100 g lenticchie rosse secche, 1 carota, 4-5 foglie di salvia, 1 piccolo scalogno, olio extra vergine, vino bianco, sale q.b. o dado vegetale.
Sciacquare le lenticchie, mondare la carota, tagliarla a pezzettoni, versare in una casseruola con il doppio di volume di acqua rispetto alle lenticchie e cuocere insieme. In un pentolino stufare le foglie di salvia e lo scalogno con 1 cucchiaio di vino bianco, 2 cucchiai di acqua e sale o dado vegetale. Unire le due preparazioni e frullare fino ad ottenere una crema liscia. Aggiustare di sale, se non è stato usato il dado e un filo di olio. Servire così o con crostini di pane integrale. E’ un modo rapido per consumare legumi, soprattutto per abituarsi a digerirli (per chi ha qualche difficoltà). L’aggiunta di qualche goccia di limone aumenta l‘assorbimento del ferro.
Palline energetiche
Sono bon bon da tenere in frigorifero e consumare prima dello sport o come colazione e spuntino. Si preparano con noci sgusciate (1 tazza) e mezza tazza di uva passa più aromi a piacere. Si mette l’uva passa ammollo per circa mezz’ora; nel frattempo si tritano le noci in un mixer e si mettono in un ciotola; si frulla l’uva passa scolata e si unisce elle noci. Si mescolano i due ingredienti: a questo impasto è possibile aggiungere a piacere farina di cocco, cacao, scorza di arancia o limone, cannella, ruhm, tè verde matcha (quello in polvere). Sono dolci nutrienti e a basso indice glicemico oltre che buonissimi! 

Ciao Roberta e benvenuta su Greenpink!

Grazie 🙂

Professionalmente nasci come biologa nutrizionista, come nasce l’idea di diventare vegcoach? 

Nasce dall’aver colto l’esigenza avvertita direttamente e indirettamente di tante persone alle prese con l’alimentazione green (vegetariana e vegana) in un contesto alimentare onnivoro e obesogeno. Molte di queste persone sono disorientate su cosa, come e quanto mangiare; vogliono essere sicure di introdurre tutti i nutrienti senza consumare cibi di origine animale ma non sanno bene come fare o commettono degli errori.

E in cosa consiste?

Principalmente le persone si rivolgono a me per l’elaborazione di piani alimentari, ma anche di ricette sane da realizzare tutti i giorni; di quali prodotti sia meglio acquistare e in quale modo prepararli. Oggi i prodotti per vegetariani sono molti rispetto ad anni fa e nonostante la recessione economica il mercato del green food non fa che crescere. I prodotti non hanno però stessa qualità e gusto: tofu, seitan, latte di soia possono essere molto variabili da produttore e produttore. In tanti anni di alimentazione vegetale li ho provati praticamente tutti e sono in grado di consigliare chi si rivolge a me in base alle sue esigenze.  

Come si riesce ad equilibrare l’alimentazione vegana nello sviluppo e nella crescita dei bambini? 

Molto bene! L’importante è (e questo vale anche per gli adulti) declinare l’alimentazione vegan in positivo: cioè ricca di proteine vegetali, fibre, grassi buoni, antiossidanti, anzichè pensarla come ad un regime privativo: senza quello e senza quell’altro. I bambini vegetariani e vegani che seguono un’alimentazione ben pianificata crescono come i loro coetanei onnivori ma si ammalano meno. Questo è quanto dice la letteratura scientifica e quanto sperimento ogni giorno con mio figlio.  

Sei vegetariana da ben 16 anni e vegana da 15 circa, com’è maturata la tua scelta?

All’improvviso, un secondo dopo aver messo in bocca uno squisito involtino di carne e parmigiano: si è piazzato davanti a me il volto della vacca che chissà cosa aveva sofferto per permettermi di mangiare quel pasto. Da quel momento il piacere di non fare del male a mucche, polli, maiali, pesci & co è diventato più importante. Adesso oltre al piacere del palato mi godo anche quello della solidarietà. Poi gli studi universitari e post universitari hanno sostenuto la mia scelta da un punto di vista scientifico.

Tu sei anche mamma, tuo figlio segue la tua stessa dieta?

Vegetariano a scuola e vegan in casa. Un compromesso inevitabile perché le scuole di Roma, pur prevedendo nel Comune la possibilità di scelta di menu vegetariano da 15 anni, non sono pronte a quella vegana. 

Inoltre gestisci il blog Vegcoach: ce ne parli?

Il blog e Vegcoach inteso come sito web e marchio registrato sono nati insieme, su una mia idea. Scrivo periodicamente su argomenti legati alla nutrizione e alimentazione vegetariana e vegana, con l’intento di sostenere quanti praticano giorno per giorno questa scelta.

Ci racconti una tua giornata tipo?

Normalissima direi: dopo aver portato mio figlio all’asilo, faccio spesa e commissioni in bicicletta, quando posso, e poi lavoro a studio o in cucina (per corsi di educazione alimentare pratica). Il pomeriggio lo trascorro con mio figlio o lavorando; poi la sera due chiacchiere con mio marito e a letto presto!

3 aggettivi che ti descrivono

Appassionata, curiosa, idealista.

3 piatti vegani facili da preparare che consigli agli amici di Greenpink…

– Spaghetti cacio e pepe vegan: è la versione vegetale del primo piatto romanesco ma con più fibre, zero colesterolo, calcio e grassi buoni. 

Spaghetti integrali, pepe, olio extra vergine e cacio vegano ( per il “cacio”: frullare insieme 1 bicchiere di mandorle pelate conservate in frigorifero; ½ bicchiere di lievito alimentare in scaglie; 1 cucchiaino di sale grosso; ½ cucchiaino di erba cipollina secca). 

Cuocere una porzione di pasta, meglio se integrale, conservando poca acqua di cottura e rimescolarla con  1 cucchiaio colmo di “cacio vegan”. Terminare con una presa di pepe e un filo d’olio. Servire.

– Vellutata lenticchie rosse alla salvia:

100 g lenticchie rosse secche, 1 carota, 4-5 foglie di salvia, 1 piccolo scalogno, olio extra vergine, vino bianco, sale q.b. o dado vegetale.

Sciacquare le lenticchie, mondare la carota, tagliarla a pezzettoni, versare in una casseruola con il doppio di volume di acqua rispetto alle lenticchie e cuocere insieme. In un pentolino stufare le foglie di salvia e lo scalogno con 1 cucchiaio di vino bianco, 2 cucchiai di acqua e sale o dado vegetale. Unire le due preparazioni e frullare fino ad ottenere una crema liscia. Aggiustare di sale, se non è stato usato il dado e un filo di olio. Servire così o con crostini di pane integrale. E’ un modo rapido per consumare legumi, soprattutto per abituarsi a digerirli (per chi ha qualche difficoltà). L’aggiunta di qualche goccia di limone aumenta l‘assorbimento del ferro.

– Palline energetiche

Sono bon bon da tenere in frigorifero e consumare prima dello sport o come colazione e spuntino. Si preparano con noci sgusciate (1 tazza) e mezza tazza di uva passa più aromi a piacere. Si mette l’uva passa ammollo per circa mezz’ora; nel frattempo si tritano le noci in un mixer e si mettono in un ciotola; si frulla l’uva passa scolata e si unisce elle noci. Si mescolano i due ingredienti: a questo impasto è possibile aggiungere a piacere farina di cocco, cacao, scorza di arancia o limone, cannella, ruhm, tè verde matcha (quello in polvere). Sono dolci nutrienti e a basso indice glicemico oltre che buonissimi! 

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti