Alimenti contaminati, la black list di Coldiretti

alimenti-contaminati-la-black-list-di-coldiretti-featured-greenpink

Alimenti contaminati, la black list di Coldiretti. Pubblicato l’elenco dei cibi più inquinati da non mangiare per evitare brutte sorprese.

Alimenti contaminati, la Coldiretti ha stilato una vera e propria black list dei cibi più inquinati e meno sicuri in base ad una serie di analisi condotte nei laboratori dell’associazione di riferimento degli agricoltori italiani.

Attenzione a frutta e verdura cinesi

I dati che emergono non sono certo rassicuranti e, ancora una volta, rinnoviamo l’invito a controllare con la massima attenzione l’origine di provenienza dei prodotti che acquistate. I broccoli cinesi ad esempio sono il prodotto alimentare meno sicuro tra quelli testati: il 92% dei campioni analizzati infatti è risultato alterato per presenza di residui chimici dannosi. Ma anche il prezzemolo del Vietnam non è messo molto meglio, con una percentuale di irregolarità vicina all’80%, mentre il basilico indiano è fuori norma nel 60% dei casi.

La Cina si conferma anche quest’anno al primo posto per quanto riguarda gli alimenti contaminati a causa della presenza di micotossini, additivi e coloranti che superano i limiti imposti dalla legislazione europea. Il 15% delle irregolarità (386 casi su un totale di 2.967 allarmi) riguarda infatti prodotti agro-alimentari cinesi. Il dato che deve preoccupare però è che nell’ultimo anno le esportazioni di prodotti agroalimentari cinesi verso l’Italia sono aumentate del 379%, soltanto le esportazioni di pomodoro ad esempio rappresentano il 10% della produzione nazionale in pomodoro fresco equivalente, una cifra che super i 67 milioni di chili.

Non solo la Cina nella black list

L’indagine di Coldiretti sugli alimenti contaminati si chiama “Black list dei cibi più contaminati” è stata presentata al Palabarbuto di Napoli ed è stata stilata sulla base delle analisti condotte dall’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel Rapporto 2015 sui Residui dei Fitosanitari in Europa.

La Cina però non è l’unico paese ad esportare alimenti contaminati, oltre ai casi già citati infatti Coldiretti segnala anche il caso delle melagrane egiziane (il 33% dei campioni presentava anomalie), così come le fragole e le arance egiziane. Anche il peperoncino Thailandese è assolutamente da evitare (il 21% dei prodotti analizzati sono risultati irregolari), così come i piselli kenioti (1 su 10 è contaminato).

Roberto Moncalvo, Presidente Coldiretti, ha ribadito che “I problemi riguardano anche la frutta dal Sud America come i meloni e i cocomeri importati dalla Repubblica Dominicana che sono fuori norma nel 14% dei casi per l’impiego di Spinosad e Cypermethrin. È risultato irregolare il 15% della menta del Marocco, un altro Paese a cui sono state concesse agevolazioni dall’Unione Europea per l’esportazione di arance, clementine, fragole, cetrioli, zucchine, aglio, olio di oliva e pomodori da mensa che hanno messo in ginocchio le produzioni nazionali. L’accordo con il Marocco è fortemente contestato dai produttori agricoli proprio perché nel Paese africano è permesso l’uso di pesticidi pericolosi per la salute che sono vietati in Europa. Non c’è più tempo da perdere e occorre rendere finalmente pubblici i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall’estero per far conoscere anche ai consumatori i nomi delle aziende che usano ingredienti stranieri”.

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti