Vegetarian-chic, l’etica salutista diventa godereccia

ristorante-joia-milano-dettaglio-piatto.jpeg

I vegetariani chic del nuovo millennio sono uomini e donne guidati dall’etica e dal salutismo e non più, come in passato, dalle ideologie politiche.

«Lo chic non è mai integralista» osserva del resto il sociologo Enrico Finzi, direttore dell’Astra Demoskopea, istituto di ricerca che registra le nuove tendenze sociali del Paese. E cambia le abitudini alimentari (in un anno le vendite di verdura e di frutta sono aumentate, mediamente, del 15% in Italia e Germania e del 20% in Francia e Gran Bretagna), ma anche gli stili di vita di migliaia di persone

La colazione d’affari, per esempio, a Milano è politically correct se si prenota al Joia (il primo ristorante vegetariano che si fregia delle stelle Michelin), dove non è difficile pranzare a fianco di Veronica Lario, o dell’ex ministro della Sanità Umberto Veronesi.

E si adeguano al nuovo bon ton vegetariano anche le feste della moda (fragole e champagne a gogò per il party dello stilista Roberto Cavalli in onore di Madonna e Lenny Kravitz) e gli inviti dei salotti d’avanguardia. Come quello di Claudia Buccellati, dove la sofisticata e magrissima signora (che indossa solo abiti in fibre e colori naturali e si definisce vegetariana-soft) accoglie ministri e amici con menu eseguiti utilizzando esclusivamente i prodotti della sua azienda agricola: verdure, ma anche uova, formaggi e frutta. Compresi i mandarini cinesi di cui è ghiotta e che serve, saltati al burro chiarificato, come insolito contorno. Senza farsi mancare i vini di pregio, dai grandi Brunelli al Crystal d’annata, né le sontuose posate di famiglia (d’argento anche in cucina e nella casa di campagna) perché, per lei, «alimentarsi, in fondo, è un fatto di equilibrio estetico, oltre che salutistico».

L’articolo integrale è disponibile su Panorama.it

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti