Vini vegani e affari, un ecoguerriero nel Chianti

Faule1-500x345.jpeg

Con la sua società si occupa di opere d’arte dai 15 milioni di euro in su: chiude con una stretta di mano trattative riservate tra collezionisti i cui nomi non finiranno mai sui giornali. E allo stesso tempo si occupa di arrembaggi alle baleniere: è l’unico italiano nel board di Sea Shepherd, la flotta del capitano Paul Watson, sostenuta anche dagli attori Sean Penn e Pierce Brosnan, partita il 5 novembre verso il Pacifico «per ridurre in bancarotta i pescherecci giapponesi».

La sua è la prima azienda del vino italiano a dichiararsi vegana. L’abbiamo incontrato a Milano, tra piatti di amaranto, seitan, cacio e pepe, lenticchie alla vaniglia: un intero menù vegano ideato per lui da Carlo Cracco e servito dallo chef in persona al tavolo nascosto in cucina.

I vini vegani di Querciabella, negli ultimi anni, hanno raccolto premi e alti punteggi nelle guide. Come il Batàr, definito il «sogno di un bianco» dal wine writer Hugh Johnson. Uno Chardonnay e Pinot blanc, «forse il più ambizioso del pianeta», secondo la master of wine Jancis Robinson del Financial Times.

Il vino-bandiera è il Camartina, uno dei primi Supertuscan, blend di Sangiovese e Cabernet Sauvignon («irresistibile sexy wine», secondo l’imperatore della critica Robert Parker); il Palafreno, un Merlot in purezza; il Querciabella, un Chianti classico docg. L’ultimo arrivato è il Mongrana, dalla tenuta in Maremma.

Con la sua voce bassa, Castiglioni spiega le idee a cui si ispira: soprattutto quelle del filosofo Peter Singer («Tutti noi non siamo responsabili solo di quello che facciamo, ma anche di quello che avremmo potuto impedire o che abbiamo deciso di non fare»). E illustra come le mette in pratica: lavorazioni manuali in vigna e preparazioni biodinamiche con piante (32) coltivate in azienda.

Un metodo che costa fino a 8 volte di più della norma.

Leggi tutta l’intervista a Sebastiano Cossa Castiglioni sul blog di Luciano Ferraro su Corriere.it

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti