La Passerella di Christo sul lago d’Iseo, il trionfo dell’arte

La Passerella di Christo sul lago d'Iseo, il trionfo dell'arte

La Passerella di Christo , The Floating Piers” è l’originale installazione dell’artista americano di origine bulgara Christo, sul lago d’Iseo. Inaugurata ufficialmente sabato scorso (il 18 giugno), la passerella galleggiante lunga oltre 4 chilometri è stata letteralmente presa d’assalto: oltre 55 mila persone hanno voluto provare l’ebbrezza di camminare sull’acqua.

La passerella di Christo fa innamorare il mondo

Chi è riuscito ad arrivare a Sulzano, il piccolo paesino collegato a Monte Isola e all’isoletta di San Paolo proprio grazie alla Passerella Christo,  giura che la sensazione è stranissima: sembra davvero di camminare sulle acque. E non occorre scomodare il miracolo evangelico per rendere l’idea. “Camminate, ascoltate le sensazioni che avvertite, non sentite quanto è sexy abbandonarsi al ritmo dei movimenti che vengono dall’acqua. Questo è un lavoro fisico, non virtuale. Queste passerelle non sono slide, proiezioni; sono cose reali, a me interessa la vita”, ha ripetuto l’artista più e più volte.

Il New York Times ha dedicato addirittura uno speciale di due pagine all’evento, con tutti i più importanti organi di stampa mondiali che hanno dato ampio spazio alla notizia. L’Italia e il Lago di Iseo in questi giorni sono dunque al centro dell’attenzione mondiale per grandiosa opera di uno degli artisti più celebri di questi anni, al netto delle critiche dei soliti espertoni che lasciano un po’ il tempo che trovano.

Il trionfo della land-art

È proprio il caso di dirlo: la land-art non ha mai avuto così tanto successo. In questi primi giorni d’apertura la passerella di Christo ha attirato la curiosità di migliaia di persone non soltanto per la voglia di provare l’emozione di passeggiare sulla superficie di un lago ma anche perché si tratta di un’opera davvero imponente che, piaccia o non piaccia, rappresenta un evento unico nel suo genere. Impossibile mancare, insomma.

Aldilà dei gusti personali, la cosa più importante è che i progetti artistici di Christo modificano il territorio solo temporaneamente, senza danneggiarne l’identità. Nel caso specifico poi tutta la plastica utilizzata per la passerella è completamente riciclabile e non avrà impatto sull’ambiente. Quelle di Christo non sono opere invasive bensì inclusive perché il pubblico è parte integrante della creazione. Ciò che resta sono fotografie, disegni, bozzetti, ovvero materiale di lavoro che aiuta a capire la nascita e testimonia la storia di queste visioni monumentali. Ma sono anche e soprattutto esperienze da vivere.

Non dimentichiamo poi un particolare importantissimo: l’accesso all’opera è completamente gratuito ed è stato lo stesso Christo a sostenere tutti i costi della sua installazione (circa 15 milioni di euro). Non ci sono partner commerciali e nessuno può sfruttare economicamente in maniera diretta l’opera.

Due mostre dedicate a Christo

Per l’occasione sono ben due le mostre da visitare una volta provata l’emozione di sfilare sulla passerella galleggiante: la prima s’intitola “Christo e Jeanne-Claude as seen by Wolfgang Volz”, allestita alle Palafitte di Sulzano per scoprire fino al 10 luglio alcune delle opere precedenti dell’artista bulgaro e della moglie attraverso gli scatti di Wolfgang Volz; la seconda, “Christo e Jeanne-Claude – The Water Projects” ospitata al museo di Santa Giulia a Brescia celebra i 50 anni di carriera dei due artisti attraverso l’esposizione di ben 150 opere.

1 Comment
  1. […] questi giorni i media di tutto il mondo hanno parlato di The Floating Piers (l’abbiamo fatto anche noi) e centinaia di migliaia di persone da tutto il mondo si sono recate sul Lago di Iseo per vivere […]

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti