L’animale più brutto del mondo

blobfish1.jpg

La Ugly Animal Preservation Society ha indetto un concorso per scegliere l’animale più brutto del mondo, un modo per sensibilizzare sulle specie in via d’estinzione meno conosciute. A vincere l’edizione 2013 del singolare contest è il blobfish, un pesce degli abissi che somiglia molto a Jabba The Hutt di Guerre Stellari. Il blobfish ha ricevuto ben 795 voti sugli oltre 3.000 totali espressi dai navigatori che hanno deciso di partecipare al concorso, aggiudicandosi così la fascia di animale più brutto del 2013. Il pesce abita le acque profonde dell’Australia e della Tasmania e, quasi del tutto privo di muscolatura, rimbalza letteralmente sui fondali grazie al suo corpo gelatinoso.

L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con il National Science Engineering Competition per incoraggiare “i giovani a farsi coinvolgere nei progetti di conservazione, così come nella promozione di animali il cui viso può essere amato solo dalla loro madre”. Sì, perché è molto facile dichiararsi amanti degli animali solo se i soggetti in questione sono degli adorabili gattini, dei fedeli cani o dei meravigliosi orsetti, più complicato lo è quando tali specie generano orrore o ribrezzo. Ogni essere vivente, invece, ha il diritto di essere preservato indipendentemente dall’aspetto. Così spiega Simon Watt, presidente a vita della Ugly Animal Preservation Society: per molto tempo gli animali carini e pelosi hanno occupato la ribalta e ora centinaia di specie si sono estinte solo perché dolorosamente brutte.

 

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti