Le tre domande sull’energia pulita di Arnold Schwarzenegger

arnolde-schwarzenegger-energia-pulitca

Le tre domande sull’energia pulita di Arnold Schwarzenegger per aprire tutti insieme la porta su un futuro fatto di energia pulita per tutti noi.

Arnold Schwarzenegger, ex Governatore della California e mito del cinema mondiale, è impegnato da tempo in una battaglia contro chi negli Stati Uniti sminuisce il problema del surriscaldamento globale.

Proprio per questo motivo ieri è stato a Parigi per intervenire al Cop21, la conferenza internazionale sul clima organizzata dall’ONU.

L’ex “Governator”, com’era soprannominato Schwarzenegger quando era Governatore della California, ha diffuso una nota su Facebook che secondo noi è molto significativa, perché è il perfetto esempio di come sia possibile affrontare temi delicati e molto importanti come il surriscaldamento globale in maniera diretta e chiara.

Un perfetto esempio di divulgazione intelligente, ancora più importante perché a farlo è un personaggio come Arnold Schwarzenegger che da sempre fa parte del Partito Repubblicano, ovvero al partito “conservatore” statunitense.

arnolde-schwarzenegger-energia-pulitca

Arnold Schwarzenegger: “Non me ne frega un c***o se non siamo d’accordo sul cambiamento climatico”.

Ogni volta che parlo sulla mia pagina di Facebook o Twitter del mio impegno per un futuro fatto di energia pulita vi noto. C’è sempre qualcuno che mi chiede perché dovremmo essere preoccupati per il surriscaldamento globale, o che mette in discussione le basi scientifiche  del cambiamento climatico. Voglio che sappiate che leggo i vostri commenti, anche quelli di chi parla di una pretesa cospirazione alla base di chi sostiene l’energia pulita.

Sì, anche quelli che sostengono che il cambiamento climatico è una bufala. Anche quelli che usano quelle cinque* parole dell’alfabeto. Ho letto tutte i vostri commenti, ma ora sono io che ho tre domande per voi. Lasciamo perdere per un attimo il cambiamento climatico, ipotizziamo che tu abbia ragione.

Uno: ritieni accettabile che ogni giorno nel mondo 7 milioni di esseri umani muoiano a causa dell’inquinamento? Stiamo parlando di una cifra maggiore del numero degli omicidi, dei suicidi e degli incidenti stradali messi insieme.

Ogni giorno 19.000 persone muoiono a causa dell’inquinamento dovuto ai combustibili fossili. È una cifra accettabile per voi? Accettate tranquillamente che in tutto il mondo ci siano bambini che devono crescere costretti a respirare utilizzando degli inalatori?

Due: credete davvero che carbone e petrolio saranno i combustibili del futuro? Oltre al fatto che i combustibili fossili distruggono i nostri polmoni, credo che possiamo dirci tutti d’accordo sul fatto che prima o poi si esauriranno. E allora qual è il tuo piano? Io, personalmente, voglio un piano.

Io non voglio essere l’ultimo a vendere carrozze a cavallo quando ci sono le automobili per strada. Non voglio essere l’ultimo ad acquistare azioni di Blockbuster quando c’è Netflix. E questo è quello che sta succedendo con i combustibili fossili. Un futuro di energia pulita è un investimento saggio, e chi ti dice il contrario o sta sbagliando o è in malafede. In ogni caso non mi fiderei dei loro consigli se dovessi fare degli investimenti. 

Le rinnovabili sono qualcosa di grandioso per l’economia e non c’è bisogno che sia io a dirvelo. La California ha alcune delle leggi ambientali più rivoluzionarie degli Stati Uniti e ottiene il 40% della sua energia da fonti rinnovabili, in California siamo il 40% più efficienti rispetto al resto del Paese.

Siamo stati early-adopter di un futuro di energia pulita e la nostra economia non ne ha sofferto minimamente, anzi in California stiamo crescendo molto più velocemente che nel resto degli Stati Uniti. Siamo al primo posto nei settore manifatturiero, nell’agricoltura, nel turismo, nell’intrattenimento, nell’high-tech, nel bio-tech, e, naturalmente, nel green-tech.

Ho un’ultima domanda, ma per questa dovrete usare un po’ di immaginazione.

Davanti a voi ci sono due porte. Dietro alla porta numero 1 c’è una stanza completamente chiusa con dentro un’auto a benzina. Dietro alla porta numero due c’è una stanza uguale, anche questa completamente chiusa, con dentro una macchina elettrica. Entrambi i motori delle auto sono in funzione a pieno ritmo.

Ora dovete scegliere che porta aprire, entrare in una stanza e richiudere la porta dietro di voi. Dovrete stare nella stanza in cui siete entrati per un’ora. Non potete spegnere il motore. Non potete usare una maschera antigas.

Provo a indovinare, avete scelto la porta numero 2, quella con l’auto elettrica, giusto? La porta numero 1 è una scelta mortale, nessuno vorrebbe respirare tutto quello quello smog.

Per utilizzare quella famosa parola di cinque lettere che tanti commentatori amano, e quindi vi dico sinceramente che non me ne frega un c***o se credete o no nel cambiamento climatico. Non mi importa se siete preoccupati per il surriscaldamento globale o per lo scioglimento dei ghiacciai. Non mi interessa chi tra noi abbia ragione da un punto di vista scientifico.

Spero soltanto che anche voi insieme a me sceglierete di aprire la porta numero 2 verso un futuro più intelligente, più pulito, più sano e più redditizio, un futuro fatto di energia pulita.
[*Schwarzenegger qui fa un gioco di parole intraducibile dato che parla delle “4 lettere” che compongono la parola “f-u-c-k”, abbiamo scelto di tradurre l’espressione con “5 lettere” per ricollegarci al titolo dell’articolo in cui abbiamo utilizzao la parola “c-a-z-z-o”]

Potete leggere il testo originale in inglese direttamente su Facebook.

Diventa un autore Greenpink

Credi di avere le competenze necessarie per contribuire al nostro magazine? Sei un blogger? Hai voglia di metterti in gioco? Inviaci una tua mini-bio, i tuoi contatti, i tuoi interessi e le idee che vorresti sviluppare. Verrai contattato dal nostro team che ti spiegherà come funziona la selezione per entrare a far parte di Greenpink.

Sending

©2016 Love & Culture il Magazine di Greenpink

Greenpink srl - p.iva IT04724210283

Log in with your credentials

Forgot your details?

Vai alla barra degli strumenti